20 ott 2009

Mirko le sfortune non finiscono mai....


Mirko fino a due anni fà era un vagabondo, che cercava cibo nei cassonetti e giacigli dove dormire. Un bel giorno due ragazzi cubani di 23 anni venuti in Italia a cercar fortuna lo videro e se ne innamorano. Pur essendo poveri non ci pensarono due volte a prenderlo con loro, e lo portarono a casa. Ma la loro casa era troppo piccola anche per loro due, fuguariamoci per un terzo inquilino... Da quel giorno Mirko visse in un terreno annesso alla casa, con le coccole dei suoi nuovi genitori, una cuccia tutta sua, cibo ed acqua fresca. Ma oggi, a distanza di due anni da quel giorno, il destino ha voluto togliere ogni cosa a tutti i protagonisti di questa storia, senza risparmiare nessuno. Una sera i giovanissimi genitori di Mirko, tornando a casa dal lavoro, ebbero un incidente terribile: un colpo di sonno dovuto al troppo lavoro, la macchina va fuori strada, il muro, ed il buio. Milagros, la mamma, esce miracolosamente indenne, ma per lui c'è l'ambulanza, la corsa all'ospedale, ed il terribile verdetto: coma farmacologico per verificare i danni subiti. Dopo qualche giorno lo svegliano: il papà di Mirko è completamente paralizzato, muove solo gli occhi, a 23 anni. A volte il destino non ti spiega il perchè, ma ti rovina inesorabilmente la vita, senza vergogna, senza ritegno, senza speranze... a soli 23 anni... ad una persona iovanissima, nata povera in un Paese povero, e diventato vegetale in un Paese ricco, lavorando come un animale e amando la vita come un bambino. Adesso la mamma di Mirko da sola non ce la fa nemmeno a mantenere se stessa, ha difficoltà a mettere insieme il pranzo con la cena, e spesso mangia in ospedale, sperando in un miracolo... Facciamo sì che almeno la sorte di Mirko possa uscire da questa spirale di dolore e angoscia. Loro è questo che vogliono: sapere almeno il loro bambino felice, anche se con un'altra famiglia. Mirko ha 4 anni, e se la merita una casa tutta sua... come i suoi genitori si meritano di sapere almeno il loro bambino felice e sereno, anche se rimarrà per sempre nei loro cuori.

Contattare Eleonora Piraino 339.5016032

Condividi


Bookmark and Share

1 commenti:

Anonimo ha detto...

la vita nn e'mai bastarda abbastanza.auguri a tutti quanti,se fossimo piu'vicini io saprei anch dove far cognugare pranzo cn cena e se avessi una casa piu'spazio prenderei anch il cane e ne avrei tre...se,se.ma cn ise nn si fa la storia.auguri

Posta un commento